• A.T.S. +39 0461 858134
  • ISTITUTO +39 0461 857003
  • info@istitutodecarneri.it

1BIO IN VISITA A BOLZANO

06 Dicembre 2013

Il 12 novembre 2013, per noi ragazzi della prima bio è stata organizzata una interessante gita nella cittadina di Bolzano, dove erano previste: la visita alla mostra “Fate il Nostro Gioco” ed al Museo di Scienze Naturali.

Ci siamo ritrovati alla stazione di Trento alle 8.00 e siamo partiti con il treno regionale accompagnati dalle professoresse Oss e Bella.

In breve tempo siamo arrivati a Bolzano, dove abbiamo visitato per prima la mostra finalizzata all’informazione riguardo alla dipendenza creata dal gioco d’azzardo. L’obiettivo era quello di svelare le regole, i piccoli segreti e le grandi verità che stanno dietro a questo immenso fenomeno in Italia, utilizzando la matematica per creare consapevolezza intorno al gioco e far conoscere i suoi lati nascosti.

Il tutto è durato un’ora e mezza, durante la quale ci hanno illustrato le false aspettative rispetto alle possibilità reali di vincita e tutta la logica che sta dietro al gioco d’azzardo; ci siamo anche potuti divertire con un’entusiasmante partita alla roulette.

All’ ora di pranzo abbiamo avuto un po’ di tempo libero per passeggiare nella città e mangiare un panino, per poi ritrovarci tutti al Museo di Scienze naturali e passare altre due ore insieme a una guida che ci spiegava e approfondiva le nostre conoscenze sulla preistoria già trattata in classe.

Qui abbiamo potuto vedere Ötzi, l’uomo del Similaun, e partecipare ad un’interessante attività didattica per capire come sono state ricostruite tutte le conoscenze che abbiamo di questa mummia.

Infine siamo tornati con il treno a Trento. 

Penso che sia stata una gita molto interessante, soprattutto la mostra “Fate il Nostro Gioco”, che trattava un argomento che quasi del tutto ignoravamo. Abbiamo capito che il gioco d’azzardo spesso porta ad una grave dipendenza, problema molto presente in Italia.

Credo sia stata anche un’occasione per conoscerci meglio e rafforzare la nostra amicizia.

Nicola Cherubini 1^bio