• A.T.S. +39 0461 858134
  • ISTITUTO +39 0461 857003
  • info@istitutodecarneri.it

VISITA ALLA CASA DELLE FARFALLE CLASSE 1^ BIO

03 Aprile 2018

Il giorno 13 marzo 2018 ci siamo recati al Museo delle Farfalle a Montegrotto Terme (Padova), nel cuore di una delle più grandi zone termali d’Italia per visitare la prima Casa delle farfalle in Italia e una delle prime al mondo.

Un percorso nelle foreste pluviali di Amazzonia, Africa ed Asia dove siamo stati colpiti dai colori, dai suoni e dalle centina di farfalle che volavano libere nell’aria. E poi tantissimi animali spettacolari: dai draghi barbuti ai grandi insetti tropicali. 

I laboratori interattivi all’interno della Casa sono stati per noi occasione per conoscere i segreti di alcuni animali ospitati, di quelli a due, quattro e sei zampe e ci è stata data la possibilità di avere un’”indimenticabile” esperienza tattile. 

Una volta accolti dalla guida della Casa ci è stata fatta notare la differenza tra i vari tipi di farfalle e ci è stata spiegata la composizione del loro corpo che è diviso in tre parti: il capo, il torace e l’addome, con tre paia di zampe e due paia di ali.

Il percorso è cominciato nella sala didattica dove la guida ci ha spiegato la biodiversità nel mondo delle farfalle.

La farfalla più importante è quella monarca, uno dei Lepidotteri più famosi del mondo e soprannominata “la farfalla nazionale” con le sue ali giallo-arancione con disegni geometrici orlati di nero e punteggiati di bianco.

Poco dopo, superando un ponticello con un laghetto, siamo entrati nella prima sala della Casa delle Farfalle: il giardino dell'Eden, dove siamo stati accerchiati da numerose farfalle dai più svariati colori.

Nella stanza successiva abbiamo trovato le crisalidi: baccelli dall’ultima muta, in fase di schiusa.

Durante il nostro percorso abbiamo oltrepassato due diversi tipi di giardini: il primo, nella regione amazzonica, un ambiente dove le farfalle assumono una varietà di colori e le loro forme variano in modo impressionante.

Un esempio in questa regione è la bellissima farfalla “Morpho” con il suo sgargiante colore blu metallico.

Dopo aver visitato la regione amazzonica, siamo passati in quella indo australe e qui abbiamo potuto notare le piante dove vengono depositate le uova e dove crescono i giovani bruchi.

Qui le farfalle arrivano da vari paesi tropicali e il loro viaggio di migliaia di chilometri avviene nella fase di crisalide e durante questa fase non hanno bisogno di alimentarsi o di fare altre attività.
Al loro arrivo le crisalidi vengono sistemate in incubatrici e qui si schiudono dando vita alle farfalle.
La fase larvale viene vissuta nel paese di origine dove delle fattorie si occupano di allevare i giovani bruchi.

Negli allevamenti le farfalle depongono le uova da cui nascono i bruchi che vengono nutriti favorendone la crescita fino al momento dell’impupamento (trasformazione dallo stadio di larva a quello di pupa).
A questo punto le crisalidi ottenute vengono inviate alle Case delle Farfalle di tutto il mondo.

UNA BREVE RIFLESSIONE: COSA CI PORTIAMO A CASA?

Chi si aspettava un ambiente così particolare? E non capita spesso che qualche farfalla ti si possa dolcemente appoggiare su una mano o sentire il “brivido” di oltrepassare una serra piena di ali che ti sfiorano …

Questo giardino per le farfalle ha avuto per noi non solo un valore educativo per scoprire e conoscere la natura, amare le farfalle, i bruchi, le crisalidi e il loro ambiente, ma abbiamo anche capito che queste case sono un’oasi dove le farfalle possono nutrirsi, riprodursi e sostare durante gli spostamenti e dove vengono rispettate.

Le farfalle, oltre che belle, sono un importante indicatore di un ambiente sano, naturale ed equilibrato.
Non tollerano pesticidi e prodotti chimici e hanno bisogno di angoli tranquilli e di piante da fiori che possono nutrirle dalla primavera all’autunno.

Oggi, purtroppo, l’inquinamento, l’utilizzo di prodotti chimici e la cementificazione mettono in pericolo la vita delle farfalle; ecco perché la presenza di queste case con i loro progetti le tutela e permettono che il numero di esemplari continui ad aumentare.

Se poi ci fermiamo un attimo a pensare alla metamorfosi, il ciclo della vita delle farfalle, ci riesce facile riflettere un po’ per capire i segreti della natura.

La farfalla è da sempre il simbolo della trasformazione e della rinascita che porta tutto verso qualcosa di migliore e noi ci crediamo!

Ringraziamo i nostri insegnanti per averci dato la possibilità di aver vissuto questa esperienza tutti insieme!